Palazzolo Acreide, Oggi l’adorazione del santissimo in ricordo del terremoto del 1693

Una tradizione che ha origine dal lontano 2 febbraio del 1697, quando la Matrice fu riaperta al culto e portato in processione il Santissimo Sacramento. Il terremoto del 1693 solo nella diocesi di Siracusa causò 38.328 morti

Anche quest’anno ritorna la tradizionale adorazione in Chiesa Madre a Palazzolo Acreide in ricordo del terribile terremoto del 1693, che rappresenta l’evento catastrofico di maggiori dimensioni che abbia mai colpito la Sicilia orientale. Il terremoto dell’11 gennaio, solo nella diocesi di Siracusa causò 38.328 morti, mentre in tutta la Sicilia se ne contarono infine circa 59.600.

Una tradizione che ha origine dal lontano 2 febbraio del 1697, quando la Matrice fu riaperta al culto e portato in processione il Santissimo Sacramento.

Da allora, in memoria del terremoto, ogni anno, l’11 gennaio si svolge l’adorazione eucaristica, il tradizionale “quarant’ore” in memoria delle vittime e della terribile giornata, che nelle memoria dell’epoca fanno tremare anche il più coraggioso dei lettori, che ne coglie, inevitabilmente, la spaventosa descrizione.

Maurizio Aiello


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi