Aperture domenicali di supermercati e centri commerciali. C’è l’accordo

Canicattini Bagni, il museo Tempo e gli iblei protagonisti lunedì su Geo&Geo

La cultura, le tradizioni e lo straordinario patrimonio paesaggistico canicattinese sarà al centro del documentario “Il verde della vita”

Lunedì 18 maggio il Museo Tempo di Canicattini Bagni protagonista del pomeriggio di Rai 3 nella trasmissione Geo&Geo condotta da Sveva Sagramola e Emanuele Biggi.

La cultura, le tradizioni e lo straordinario patrimonio paesaggistico canicattinese, incastonato nello splendore degli Iblei, sarà al centro, come fanno sapere il sindaco Marilena Miceli e l’assessore al Turismo Museale, Loretta Barbagallo, del documentario “Il verde della vita” (durata 19’35’’) della regista e documentarista Caterina Congia.

Sarà Paolino Uccello, etnoantropologo, guida naturalistica e Presidente del Museo Tempo, a condurre con mano i telespettatori attraverso le bellezze del territorio ibleo, unico per la sua biodiversità, dove crescono oltre 1500 piante delle 3000 presenti in Sicilia, molte delle quali legate sia alla fitoalimurgia, sia alle caratteristiche officinali, usate per guarire, come rappresentato in una delle sezioni che il museo ha dedicato alla Medicina Popolare, unica nel suo genere.

Paolino Uccello racconterà l’affascinante e prezioso regno vegetale di quest’angolo di Sicilia, con le sue tradizioni, filastrocche, leggende, mitologia, le proprietà medicamentose, nonché gli usi nella cultura gastronomica, ad iniziare dal tarassaco, la nepetella, l’iperico, la scabbiosa marittima, la verbena e il gelsomino.

Gli operatori del museo Tempo, nella grande cucina della struttura museale, che coniuga al visitatori gli odori e i sapori del patrimonio ibleo, faranno conoscere le “infigghiulate” canicattinesi, le tipiche  roselline di pasta farcite con il pesto di nepetella, le polpette col finocchietto e la variazione con salsiccia iblea, anziché le sarde, della pasta, e le preparazioni tipiche del bianco mangiare realizzate con fiori di gelsomino.

“Il verde della vita” di Caterina Congia, sarà altresì un viaggio, tra le sezioni del Museo Tempo (Museo del Tessuto dell’Emigrazione e della Medicina Popolare) dedicate alla storia dell’emigrazione siciliana del secolo scorso, fine ‘800 inizio ‘900, ed in particolare quella canicattinese, che portò alla  nascita del Liberty a Canicattini Bagni, il fenomeno artistico francese con il suo stile floreale con il quale i maestri scalpellini locali hanno abbellito e reso suggestive le facciate e gli interni dei palazzi e delle abitazioni.

Una grande opportunità – hanno sottolineato il sindaco Miceli e l’assessore Barbagallo – per far conoscere ad una platea molto vasta, competente, che ama la natura e i viaggi, com’è il pubblico di Geo&Geo, attraverso il nostro Museo TEMPO e il lavoro di questi anni dei suoi operatori, l’immenso patrimonio culturale, storico, enogastronomico, delle tradizioni e paesaggistico del territorio canicattinese. Un ottimo invito a venire a Canicattini Bagni e sull’altopiano ibleo per l’estate che arriva, per una ripartenza, dopo le misure restrittive dell’emergenza Covid-19″.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo