In tendenza

Covid, crescono i contagi a Buccheri. Il sindaco: “improcrastinabile la zona rossa”

Nel piccolo comune montano nella settimana che va dal 10 al 16 aprile è stata abbondantemente superata la soglia dei 250 casi su 100mila abitanti prevista dal Dpcm

Buccheri a forte rischio “zona rossa”, a comunicarlo è il sindaco Alessandro Caiazzo. Nel piccolo comune montano, infatti la crescita dei contagi non accenna a diminuire, e al netto dei casi già ufficialmente conclamati (11), con una probabilità del 99% se ne aggiungeranno altri 5 (escluso al momento l’esito di tutti i tamponi molecolari della classe seconda media).

Per tale ragione, vista l’incidenza di soggetti positivi nella settimana che va dal 10 al 16 aprile (oltre 530/100.000) e la diffusione del virus anche tra studenti e giovanissimi alunni, il sindaco fa sapere che si rende necessario ed improcrastinabile l’eventuale entrata in vigore della zona rossa per il Comune di Buccheri.

Non c’è comunque da allarmarsi – dice Caiazzo – in quanto stiamo monitorando costantemente l’evoluzione della situazione e tutti i soggetti preposti sono in piena attività. L’eventuale istituzione della zona rossa non è una decisione che prendo a cuor leggero e la stessa è stata preventivamente condivisa sia con la Giunta che con tutti i Consiglieri Comunali che chiaramente ne hanno dato avallo; dobbiamo anzitutto salvaguardare la salute della popolazione ed in particolare modo dei nostri bambini. Già nella giornata odierna l’ASP ci ha comunicato l’opportunità di procedere in tale direzione ed oggi stesso procederò ad informare il Presidente Musumeci di quanto sta accadendo. In ogni caso invito la cittadinanza ad attenersi scrupolosamente alle regole ed a tenere comportamenti molto cauti ed improntati alla massima attenzione. Dobbiamo assolutamente ritornare in una situazione di normalità, sopratutto per farci trovare pronti a ripartire in sicurezza non appena la Regione Siciliana raggiungerà la zona gialla. Anche se i numeri, come detto, non appaiono allarmanti, meglio fermarsi adesso prima che la situazione possa degenerare.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo