In tendenza

È morto l’ex sindaco di Canicattini Vincenzo Bondì: il ricordo di Miceli e Amenta

Già sindaco della città ed ex segretario provinciale della Federazione Psi di Siracusa

Il sindaco di Canicattini Bagni, Marilena Miceli, e il presidente del Consiglio comunale, Paolo Amenta, a nome loro personale, dell’Amministrazione, dell’intero Consiglio comunale e di tutta la comunità canicattinese che rappresentano, con dolore, profondo cordoglio e vicinanza ai familiari, ricordano il Prof. Vincenzo Bondì, già sindaco della città ed ex segretario provinciale della Federazione Psi di Siracusa, intellettuale e uomo politico di grande spessore e visione illuminata, venuto improvvisamente a mancare, all’età di 95 anni, all’affetto dei suo cari, lo scorso 20 gennaio 2022.

Canicattini Bagni ha perso nei giorni scorsi, nel silenzio imposto dal momento pandemico, uno dei suoi figli più illustri, il Prof. Vincenzo Bondì, aveva 95 anni. Uomo di grande cultura, educatore e formatore come non pochi, ha dedicato la sua vita con passione oltre che all’insegnamento anche agli ideali del Socialismo democratico e riformatore, animandone il dibattito nella società e guidando per anni il PSI canicattinese, siracusano e siciliano.

Dirigente politico del dialogo, all’interno e all’esterno della Sinistra, si è sempre distinto per la modernità del suo pensiero e per l’alto senso delle istituzioni di cui è stato fedele e leale custode. Amministratore pubblico di illuminata visione, ha messo a disposizione della sua città, di cui è stato Sindaco nel 1992, e dell’intero territorio siracusano, la sua profonda esperienza politica e una consolidata responsabilità nell’affrontare i temi di interesse delle comunità, ricoprendo importanti incarichi assessoriali anche nel Comune di Siracusa e nell’Amministrazione provinciale.

Pioniere e fautore, assieme ad un altro illustre uomo di cultura canicattinese, Giovanni Agnello, anch’egli già Sindaco di Canicattini Bagni, della crescita economica del territorio attraverso quel modello di Turismo sostenibile che ne valorizza l’immenso patrimonio culturale, storico, ambientale e paesaggistico, seppe imprimere il suo pensiero e dare impulso all’allora Azienda Provinciale per il Turismo che ha presieduto con il massimo dell’impegno che l’ha sempre contraddistinto.

Un percorso di sviluppo sui cui siamo impegnati da anni, grati e consapevoli della giustezza dell’eredità che ci ha lasciati. Nell’esprimere a nome nostro personale, dell’Amministrazione, dell’intero Consiglio comunale e di tutta la comunità canicattinese il più vivo cordoglio e vicinanza ai familiari, siamo certi che tutta Canicattini Bagni saprà sempre ricordarne l’indimenticato passaggio”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo