Aperture domenicali di supermercati e centri commerciali. C’è l’accordo

Ferla, va a trovare un conoscente senza valido motivo: sanzionato

Per l'uomo è scattata la recidiva in quanto già sanzionato nei giorni scorsi

Il Comando Provinciale Carabinieri di Siracusa, attraverso i Reparti dipendenti, continua, incessantemente, nell’attività di controllo del territorio per verificare la corretta applicazione delle misure di contenimento del Coronavirus.

Anche nella giornata di ieri in tutta la Provincia si sono registrati numerosi casi di persone sorprese a circolare senza motivo valido, alcune anche a bordo di autovetture ed altre sorprese sedute su panchine in pubblica via, solo perché stanche di rimanere chiuse in casa e spinte dalla voglia di stare all’aria aperta. Sanzioni sono state elevate in Siracusa, Avola, Noto, Augusta, Ferla, Palazzolo Acreide.

Questi i casi più emblematici: a Ferla è stato sanzionato un 50enne perché sorpreso mentre usciva da casa di un conoscente dal quale si era recato senza alcun motivo valido. Il soggetto, che nei giorni scorsi era già stato sanzionato perché sorpreso per strada senza valida giustificazione, a causa della recidiva è stato sanzionato per un importo doppio rispetto alla prima violazione, ovvero 560 euro.

A di Palazzolo Acreide, invece, è stato sanzionato un soggetto che, proveniente da altro comune, era intento a raccogliere verdure selvatiche.

I Carabinieri, quotidianamente impegnati nel garantire la corretta osservanza delle misure di contenimento rammentano che è stato fatto divieto a tutti di circolare se non per “comprovate esigenze lavorative”, “assoluta urgenza” o “motivi di salute” e che le nuove disposizioni di legge prevedono per i contravventori sanzioni da 400 a  3000 da aumentare fino a un terzo se la violazione avviene mediante l’utilizzo di un veicolo e da raddoppiare in caso di recidiva ed evidenziano che l’attività di monitoraggio su strada, a tutela della salute dei cittadini, si farà sempre più incisiva.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo