In tendenza

Il Comune di Buccheri tra le “Città dell’Olio”

Caiazzo: "Occorre farsi ambasciatori di qualità e divulgatori d’eccellenza, in un periodo storico in cui l’eccellenza è sempre più una rarità"

Il Comune di Buccheri tra le “Città dell’Olio”. Nei mesi scorsi il Comune di Buccheri aveva presentato la propria candidatura per entrare a far parte dell’associazione Nazionale “Città dell’Olio”, ritenendo di averne le caratteristiche e di aver fatto tanto, sopratutto negli ultimi anni, per valorizzare uno dei prodotti di punta del territorio. Adesso arriva l’ufficialità, con la notizia dell’esito positivo della candidatura.

“Un percorso ambizioso che ci permetterà di concentrarci sugli obbiettivi che l’Amministrazione condivide con l’associazione Nazionale “Città dell’Olio” e che, d’ora in avanti, saranno al centro dell’azione amministrativa futura, con particolare riferimento alla maggior tutela e conoscenza della qualità dell’olio extra vergine di oliva, delle risorse ambientali, paesaggistiche, artistiche e storiche del comune di Buccheri – dice il sindaco Alessandro Caiazzo -. Crediamo fortemente che occorra concentrare gli sforzi sopratutto per divulgare la qualità del prodotto, unica soluzione percorribile per combattere l’insano commercio di olio di bassa qualità che “inganna” il consumatore ammaliato dal basso costo di vendita. Occorre quindi farsi ambasciatori di qualità e divulgatori d’eccellenza, in un periodo storico in cui l’eccellenza è sempre più una rarità”.

Un altro tassello che si configura come epilogo naturale per un comune come Buccheri, già annoverato tra i Comuni più vocati al mondo per la produzione di Olio extravergine di qualità e che da oggi potrà senz’altro dare un contributo in più alla mission che caratterizza l’associazione nazionale “Città dell’Olio”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo