In tendenza

“L’uomo che mangiava carrube”: a Palazzolo la presentazione del libro di Alessandro Serra

Ad accompagnare l’evento sarà l’arpa di Lucia Basile, mentre Concetta Caruso, segretario di Meraki, intervisterà e dialogherà con l’autore

Sarà Alessandro Serra a concludere l’estate letteraria dell’associazione Meraki, con il suo romanzo “L’uomo che mangiava carrube”, ambientato nel territorio ibleo. La presentazione del libro avverrà venerdì 10 settembre, nella Sala Verde del Comune di Palazzolo Acreide, a partire dalle 19.

Ad accompagnare l’evento sarà l’arpa di Lucia Basile, mentre Concetta Caruso, segretario di Meraki, intervisterà e dialogherà con l’autore. L’evento si terrà nel rispetto delle norme anti-Covid19.

Alessandro Serra nasce a Roma nel 1965, ma le origini sono canicattinesi. Il paese è sempre presente nel cuore e nella mente, fino al diploma, i tre mesi di vacanze estive costituiscono tappe fondamentali, nelle quali stringerà fraterne amicizie ancora saldamente durature. Durante i corsi universitari e anche dopo per diversi anni, si sperimenta nelle più disparate attività lavorative che, in futuro, andranno a costituire un bagaglio di conoscenze ed esperienze utilissime una volta intrapreso il percorso artistico.

Nella capitale, dopo essersi formato all’ombra di sapienti maestri, costituisce una compagnia teatrale che, non solo si esibisce sulle tavole dei palcoscenici, ma diversifica l’attività con iniziative parallele, accolte con il favore dal pubblico.

Scrive testi teatrali, assumendone la regia e infine trova ristoro alla propria fantasia, scrivendo romanzi. Essendosi trasferito definitivamente a Canicattini, nella casa che era stata dei nonni, decide di ambientare in questi luoghi da sempre cari, l’ultimo romanzo, “L’uomo che mangiava carrube”, uscito lo scorso 1 giugno con il contributo dell’Avis di Canicattini.

La storia narrata s’intreccia intorno ai personaggi, li avvolge e li coinvolge, facendo altrettanto con il lettore, portandolo in labirinti sconosciuti, dai quali non è dato sapere se mai ritroverà l’uscita.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo