In tendenza

Palazzolo Calcio: In difesa torna Aldo Perricone

L’Asd Ac Palazzolo comunica di aver ingaggiato il difensore centrale Aldo Perricone. Per il calciatore palermitano, classe 1986, si tratta di un ritorno. Lo scorso anno, infatti, vestì la maglia del Palazzolo per uno scorcio di stagione (8 presenze ed un gol) prima di vestire quella della Nissa (D) e dell’Ebolitana (II Divisione) fino a fine campionato. In carriera ha giocato anche tra le fila della Nocerina(I Divisione) e nel suo curriculum ci sono anche le esperienze con Siracusa, Celano, Massese e Casale.

“Ci sono stati i presupposti per vestire nuovamente questa maglia – afferma il neo difensore gialloverde -. So che si tratta di una Società seria e questo l’ho potuto constatare lo scorso anno. Purtroppo la stagione passata non è stata un’esperienza felicissima anche per colpa mia a causa di una stupida espulsione che mi è costata tre giornate di squalifica.” La Società del presidente Cutrufo, come annunciato nelle scorse
settimane, sta procedendo nella campagna di rafforzamento della rosa per cercare di uscire dalla difficile situazione in classifica in cui versa in questo momento.

“Ho seguito fin qui le vicende del Palazzolo – continua Perricone – e vederlo in questa posizione di classifica mi stupisce perché ha in rosa giocatori validissimi per la categoria. Ci sono almeno dieci squadre in questo girone di serie D con organici inferiori a quelli del Palazzolo. Ma purtroppo il calcio è una scienza inesatta e i risultati si conquistano sul campo. Speriamo di invertire la rotta a partire da domenica. Ho delle sensazioni molto positive.”

Perricone è giunto oggi a Palazzolo ed ha già sostenuto il primo allenamento con i suoi nuovi compagni. Spetterà a mister Cacciola valutare le sue condizioni e decidere se spedirlo nella mischia già dal primo minuto della sfida interna con la Cavese. “Per domenica mi sento già molto carico – conclude Perricone – ed ho tantissima voglia di giocare, ma spetterà al mister fare le scelte. Io sono a sua disposizione.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo