In tendenza

Paola Cappè nominata dal sindaco Miceli responsabile dell’ufficio della transizione al digitale di Canicattini Bagni

Con la nomina del dottoressa Cappè si provvederà a completare la composizione dell’ufficio della transizione al digitale con l’inserimento delle figure apicali del Comune

Facendo seguito alla delibera di Giunta comunale n. 39 del 26 marzo 2021, con la quale è stato costituito l’ufficio della Transizione al Digitale, inserito nel sesto settore dell’ente, il sindaco Marilena Miceli, con propria determinazione 7 del 12 aprile 2021, ha nominato la dottoressa Paola Cappè, dirigente del sesto settore e direttrice della biblioteca comunale, quale responsabile della Transizione Digitale (RTD) del Comune di Canicattini Bagni.

Con la nomina del dottoressa Cappè si provvederà a completare la composizione dell’ufficio della transizione al digitale con l’inserimento delle figure apicali del Comune e di ulteriore personale individuato allo scopo di ultimare il processo di digitalizzazione dell’ente e dei servizi ai cittadini.

Tra i compiti dell’Ufficio della Transizione al Digitale anche lo sviluppo dei sistemi informativi di telecomunicazione e fonia del Comune, tra l’altro già iniziati con l’attivazione della fibra e del servizio Spc2 di sicurezza informatica dei dati, dei sistemi e delle infrastrutture, anche in relazione al sistema pubblico di connettività, e la facilitazione dei pagamenti online col sistema PagoPa di tributi, concessioni e servizi richiesti al Comune, come quello relativo alla carta d’identità elettronica o alla mensa scolastica, già tutti attivi con App e sul sito istituzionale dell’ente www.comunedicanicattinibagni.it

E ancora, l’agevolazione per l’accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici, la diffusione dei sistemi di identità e domicilio digitale, posta elettronica, protocollo informatico, firma digitale, mandato informatico, pianificazione e coordinamento degli acquisti di soluzioni e sistemi informatici, telematici e di telecomunicazione al fine di garantirne la compatibilità con gli obiettivi di attuazione dell’agenda digitale promossa dal Governo.

Nonché l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione al fine di migliorare la soddisfazione dell’utenza e la qualità dei servizi, compresa la riduzione dei tempi e dei costi dell’azione amministrativa, ottimizzando l’efficacia e l’erogazione dei servizi in rete ai cittadini e alle imprese.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo