Realizzazione del parco degli Iblei, i dubbi di Cafeo: “a rischio numerose attività produttive”

Per il deputato regionale con una perimetrazione così ampia si rischia di ingessare il territorio rendendo anche vana l'istituzione delle Zes

L’idea di ingessare oltre 150 mila metri quadri di territorio, la gran parte in provincia di Siracusa inclusa tutta la zona montana, con una decisione come al solito presa senza ascoltare le comunità locali e calata dall’alto, è semplicemente insensata oltreché dannosa”. Ad intervenire sull’ipotesi di realizzazione del Parco Naturale degli Iblei è Giovanni Cafeo, parlamentare regionale di Italia Viva e Segretario della III Commissione Ars Attività Produttive.

Per il deputato regionale le conseguenze di una simile decisione sono sotto gli occhi di tutti, “in un momento – spiega – nel quale l’obiettivo principale della politica non può che essere stimolare e incentivare tutte le attività d’impresa, incluse le industrie e quelle legate alle eccellenze del territorio, è impensabile immaginare uno strumento che di fatto blocca qualsiasi possibilità di sviluppo per numerose realtà locali, introducendo nuovi lacciuoli burocratici in luogo della sempre più necessaria semplificazione”.

Ma il paradosso per Cafeo non finirebbe qui, perché se da un lato la Regione, seppur con ritardo, ha approvato le Zes includendo anche parte della zona montana di Siracusa, dall’altra autorizzando un parco di queste dimensioni, ne impedirebbe a priori lo sviluppo, trasformando per Cafeo “uno strumento dal grande potenziale in carta straccia”.

È chiaro che un Parco naturalistico, se ben pensato e soprattutto se realizzato tenendo conto delle reali necessità del territorio, può diventare esso stesso strumento di sviluppo – prosegue – ma questo a patto che non diventi ostacolo per chi su quel territorio ha investito tempo e risorse, contribuendo a renderlo famoso nel mondo per le eccellenze prodotte”.

Per questi motivi, il deputato regionale all’Ars insieme con i sindaci e le associazioni di categoria, presenterà un’interrogazione urgente al Presidente Musumeci e all’assessore Cordaro, “al fine di conoscere – conclude -, sempre se esiste, la loro visione in prospettiva del Parco degli Iblei e soprattutto come intendono giustificarsi nei confronti delle tante attività che trovandosi da un giorno all’altro su una superficie vincolata, dovranno per forza di cose abbandonare qualunque progetto di crescita e sviluppo”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo