Riaperture scuola. Il sindaco Caiazzo: “A Buccheri no classi pollaio”

"Abbiamo spazi ampi, classi così grandi che consentiranno agli studenti di seguire le lezioni in sicurezza" - dice il primo cittadino

“Sono passati quasi tre anni dal giorno in cui abbiamo inaugurato la scuola “ Badia” che oggi ospita le classi elementari e medie.
E oggi più che mai siamo orgogliosi del nostro istituto, anche alla luce delle disposizioni che pare abbiano preso corpo in questi giorni e che dovranno essere rispettate per garantire la sicurezza degli studenti al tempo del Covid”. A dirlo è Alessandro Caiazzo, sindaco di Buccheri, in previsione del nuovo anno scolastico 2020/2021 che, inevitabilmente, sarà segnato dalla convivenza in aula con le misure anti Covid 19, e cioè: distanziamento, contingentamento, orari diversificati.

“Sono convinto – afferma Caiazzo – che nulla di tutto ciò sarà necessario a Buccheri, in quanto abbiamo spazi ampi, classi così grandi che consentiranno agli studenti di seguire le lezioni in sicurezza, sistemi all’avanguardia che garantiscono la migliore offerta formativa possibile, scuole sicure ed adeguate alle più recenti normative in materia appunto di sicurezza; i nostri figli non vedono soffitto scrostati, non patiscono il freddo, non si formano in ambienti inadeguati. Il nuovo anno inizierà sicuramente con qualche accorgimento in più, ma oggi vivere in un borgo come Buccheri è un privilegio; oggi risiedere in un piccolo comune dove tutti i servizi, ed in particolare quelli scolastici, sono all’avanguardia e già a “misura di Covid” è un lusso che fino a qualche mese fa non capivamo, ma che adesso siamo felici di poterci permettere. I nostri figli vivono in un luogo incantato e sicuro”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo