In tendenza

Sortino, apicoltura: Italia Nostra in visita “A Casa dô Fascitraru”

È stata la prima uscita del 2021 che l’associazione ha effettuato, nel rispetto di tutte le norme anticovid, dopo il lungo periodo di clausura dovuta alla pandemia

Quest’anno, in occasione delle “Settimane del Patrimonio Culturale di Italia Nostra 2021” dal tema “Museo del territorio: la cultura del genius loci”, la sezione di Melilli, con competenza territoriale non solo nella sede maggiore di pertinenza, ma anche nei comuni limitrofi di Sortino e Priolo, ha scelto di dedicare la propria attenzione alla Casa Museo di Sortino “A Casa dô Fascitraru”, cioè la casa/laboratorio dell’apicoltore.

Questo museo locale, gestito dalla famiglia Giuliano, dal professore Franco prima e adesso dai figli Beppe e Maria Cettina, si basa sullo stretto rapporto tra la cultura del luogo e la consapevolezza che di essa ha la collettività: in sostanza sul valore identitario del patrimonio culturale della cittadina.

È stata la prima uscita del 2021 che l’associazione ha effettuato, nel rispetto di tutte le norme anticovid, dopo il lungo periodo di clausura dovuta alla pandemia.

La visita a Sortino è stata interessantissima e molto gradevole grazie alla sensibilità dei fratelli Beppe e Maria Cettina Giuliano, i quali hanno descritto – in una narrazione simile ad un romanzo popolare – la vita dell’apicoltore tradizionale, appunto il “fascitraru”, a partire dalla fine del XVIII secolo: infatti nel tornio è incisa la data 1794.

Il sopralluogo a Sortino è proseguito nell’azienda della famiglia Pagliaro, nella quale il socio Gianfranco ha mostrato l’attuale realtà dell’apicultore e spiegato tutte le procedure per ottenere un miele di prima scelta. Gianfranco Pagliaro ha inoltre risposto esaurientemente a tutte le domande che adolescenti e adulti– incuriositi da questa tecnica plurimillenaria di produzione e conservazione del miele in questo territorio – gli hanno rivolto. Per l’occasione, in via del tutto straordinaria, è stato possibile anche degustare un assaggio del millefiori, estratto in diretta, in un tripudio di odori e sapori straordinari.

Secondo una consuetudine tipica della sezione di Italia Nostra Melilli, la giornata si è conclusa con un momento conviviale, durante il quale è stato possibile anche ricordare gli appuntamenti futuri. La presidente, Nella Tranchina, pienamente soddisfatta dall’ottima riuscita dell’iniziativa auspica che altre attività come questa possano presto ripetersi per la conoscenza dell’immenso patrimonio culturale di cui la nostra Isola dispone.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo