Tabaccaio denunciato a Ferla. La replica: “mai svolto alcuna attività di bar”

"Nella tabaccheria non c’è mai stato un assembramento di persone in quanto il sottoscritto tiene molto a controllare l’ingresso delle persone"

Immagine generica di repertorio

Riceviamo e pubblichiamo la replica del tabaccaio denunciato a Ferla durante i controlli dei Carabinieri finalizzati all’attuazione delle misure urgenti in materia di contenimento dell’emergenza epidemiologica da coronavirus. Secondo i militari dell’Arma il titolare, “approfittando dell’attuale chiusura dei bar, senza averne titolo e comunque violando il citato decreto, somministrava caffè agli avventori preparandolo con una macchinetta appositamente installata“. Di seguito la replica:

“Viene erroneamente contestato al sottoscritto la “mancata chiusura dell’attività di bar”. Sul punto intende precisare che: non ho mai svolto alcuna attività di bar nella maniera più assoluta.

Vero è soltanto che all’interno della Tabaccheria vi è un distributore automatico di caffè, installato l’1/4/2019, cosa regolarmente prevista e non vietata neppure dai recenti decreti legge emanati a seguito dell’emergenza del Coronavirus (vedi per tutti D.L. 11/3/2020).

Vero è inoltre che, nella tabaccheria non c’è mai stato un assembramento di persone in quanto il sottoscritto tiene molto a controllare l’ingresso delle persone per il non verificarsi di tale evento.

Nonostante questo, è stato accusato immeritatamente e ingiustificatamente da vari quotidiani online locali e non di essersi improvvisato barista. Sorge spontanea la domanda: chi ha diffuso simile notizia?

Il sottoscritto informa di aver dato mandato per essere assistito e difeso all’Avv. Giuseppe Lipera del Foro di Catania per riservarsi nei modi e nelle forme di Legge di querelare chi abbia messo in circolazione simili notizie non rispondenti alla realtà”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo