In tendenza

Voto domiciliare per la tornata elettorale del 12 giugno a Canicattini: le richieste entro il 23 maggio

È consentito non soltanto agli elettori in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali, ma anche a coloro che siano affetti da altre gravissime infermità, tali da rendere impossibile l’allontanamento dalla propria abitazione

L’Ufficio Elettorale del Comune di Canicattini Bagni rende noto che per i Referendum abrogativi e le Elezioni Amministrative del 12 giugno 2022, la legge n. 46 del 7-5-2009 ha esteso l’ambito di applicazione del voto a domicilio, che sarà infatti consentito non soltanto agli elettori in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali, ma anche a coloro che siano affetti da altre gravissime infermità, tali da rendere impossibile l’allontanamento dalla propria abitazione.

Per essere ammessi al voto domiciliare occorre presentare una dichiarazione in carta libera, attestante la volontà di esprimere il voto presso l’abitazione di propria dimora, indicando l’indirizzo completo e un recapito telefonico e allegando fotocopia della tessera elettorale. Può essere utilizzato il modulo reperibile all’Ufficio Elettorale o sul sito Internet del Comune www.comunedicanicattinibagni.it nelle sezioni “Referendum abrogativi 2022” ed “Elezioni comunali 2022” (finestre sulla sinistra della pagina principale).

Un certificato rilasciato dal funzionario medico designato dall’Asp di Siracusa. Il certificato deve riportare l’esatta formulazione normativa di cui all’art. 1, comma 1, della legge n. 46/2009, ovvero l’attestazione di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali o uno stato di gravissima infermità tale che l’allontanamento dalla dimora risulti impossibile anche con l’ausilio dei servizi previsti dall’art. 29 della legge 104/92. Se necessario, il certificato deve anche attestare l’eventuale necessità di un accompagnatore per l’esercizio del voto domiciliare; in tal caso sulla tessera elettorale sarà inserita l’annotazione permanente del diritto al voto assistito.

Le richieste di voto assistito, come previsto dalla legge, deve pervenire al Sindaco nel periodo inter-corrente tra il 40° e il 20° giorno antecedente la data della votazione, cioè fino al 23 maggio. Per quanto il termine sia meramente ordinatorio, è opportuno presentare per tempo la domanda, per dar modo all’Autorità sanitaria preposta di predisporre il piano delle visite e agli uffici comunali di organizzare la raccolta del voto a domicilio.

Per informazioni recarsi all’ufficio elettorale o telefonare ai numeri 0931540234 – 0931540223


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo